Birra Peroni testa il nuovo compressore “oil free” Atlas Copco

16 luglio 2018
Birra Peroni testa il nuovo compressore “oil free” Atlas Copco
FOOD
0

Birra Peroni ha potuto testare l’affidabilità dell’ultima versione del compressore “oil free” per alcuni mesi, prima del lancio sul mercato.

Il nuovo compressore oil free Atlas Copco

Riduce il consumo energetico fino al 35% grazie alla configurazione a motore doppio con un algoritmo di controllo intelligente che permette a entrambi gli elementi di funzionare a velocità differenti, è infatti dotato di due motori a magneti permanenti ad alta efficienza e incorpora la più sofisticata tecnologia VSD (Variable Speed Drive, azionamento a velocità variabile).

Birra Peroni Atlas Copco

Il compressore nello stabilimento Birra Peroni

Lo stabilimento Birra Peroni di Padova, che utilizza compressori d’aria oil free Atlas Copco da circa trent’anni, sta testando in anteprima mondiale il nuovo compressore. Birra Peroni produce birra italiana dal 1846 con tre stabilimenti produttivi: a Roma, a Bari e a Padova per un totale di cinque milioni di ettolitri di birra all’anno, oltre un milione dei quali viene esportato.

Gli ingredienti fondamentali per produrre birra sono acqua e orzo, ma nel processo produttivo si fa anche un grande uso di aria compressa, necessaria in tutte le fasi, dalla preparazione della birra fino al suo imbottigliamento. L’aria compressa è infatti il vettore energetico usato per alimentare gli attuatori delle valvole, per spingere trebbie, polveri e farine esauste, per azionare i martinetti riempitrici, per azionare i pistoni in area imbottigliamento, per eliminare la CO2 dalle cisterne prima dell’imbottigliamento, per scuotere i filtri a maniche eliminando le polveri. La presenza di vapori di olio residui in queste fasi rischia di contaminare il prodotto finito e le bottiglie, compromettendo la qualità della bevanda che entra in commercio. Per garantire birra di qualità, quindi, è fondamentale utilizzare aria pulita, cioè aria priva di vapori di olio che si possono trovare negli alimenti e nelle bevande come residui dei processi produttivi. Anche utilizzare compressori a basso consumo energetico è importante: in ambito industriale circa l’11% dei consumi elettrici è ascrivibile all’aria compressa, con un’incidenza del consumo di energia che può arrivare a rappresentare più del 30% dell’energia elettrica consumata da un’impresa.

Birra Peroni Atlas Copco

Test superato per Atlas Copco!

“Collaboriamo con Atlas Copco dalla fine degli anni ’80, quando è stata inserita la prima macchina nei nostri stabilimenti”, afferma Carlo Artusi, Plant Technical Manager di Birra Peroni, “È stato l’inizio di una partnership di lungo periodo: da allora sono state inseriti altri tre compressori, tuttora operativi: uno nel 1994, uno nel 2011 e l’ultimo quest’anno. L’ultima macchina installata, il nuovo compressore ZR 160 VSD+, funziona oggi da 6.000 ore dimostrando sul campo la sua elevata affidabilità. La struttura e la tenuta della camera di compressione assicurano la separazione fisica tra l’olio e i circuiti dell’aria, garantendo un’aria oil free certificata Classe 0, fondamentale per garantire la non contaminazione della birra durante il processo produttivo.”

“Per Atlas Copco l’aria compressa è una scienza, e la tecnologia di questo nuovo compressore lo dimostra: regolando la portata d’aria in uscita in base alle effettive necessità, il compressore ZR 90-160 VSD+ riduce significativamente il consumo di energia, i costi e l’impatto ambientale”, afferma Jeroen Hoen, responsabile di prodotto per i compressori oil-free. “I motori a magneti permanenti interni raffreddati ad acqua con grado di protezione IP66, progettati per la massima efficienza e affidabilità, contengono cuscinetti lubrificati a olio per una lunga durata senza necessità di manutenzione”.

Birra Peroni Atlas Copco

 

Condividi questo articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di TecnoEdizioni maggiori informazioni

TecnoEdizioni utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o premendo su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi