Home CHIMICA Università del Piemonte Orientale e Syensqo insieme per la tutela dell’ambiente

Università del Piemonte Orientale e Syensqo insieme per la tutela dell’ambiente

Grazie ad un investimento di 5 milioni di euro, siglato un accordo quinquennale per l’attivazione del Centro RisPA per lo studio di nuovi materiali e processi che abbattano l’inquinamento

di redazione2
0 commento

È stato sottoscritto settimana scorsa ì, venerdì 9 febbraio, presso la sede del Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica, l’accordo quinquennale tra Università del Piemonte Orientale e Syensqo, per l’attivazione del Centro di Ricerca e Sviluppo per il Risanamento e la Protezione Ambientale.

L’accordo è stato firmato dal rettore prof. Gian Carlo Avanzi e dall’ing. Marco Apostolo, Country Manager di Syensqo Italia e prevede l’istituzione del Centro di Ricerca e Sviluppo per il Risanamento e la Protezione Ambientale (RiSPA), presso la sede del Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica (DISIT) dell’ateneo, che lavorerà allo studio di nuovi materiali e processi sia per l’abbattimento di inquinanti esistenti sul territorio alessandrino, sia per l’eliminazione di sostanze potenzialmente nocive per l’ambiente dalle acque di processo.

Il progetto viene avviato grazie a un investimento di 5 milioni di euro da parte di Syensqo per la costituzione del centro, dei suoi laboratori, della strumentazione tecnica e l’avvio dei progetti di ricerca. Un importante accordo che mette a frutto la proficua collaborazione già in essere da diversi anni tra l’ente accademico e l’azienda – recente spin-off di Solvay – e guarda al futuro in ottica sostenibile con una prospettiva totalmente orientata all’innovazione tecnologica per la salvaguardia dell’ambiente.

“La ricerca scientifica nell’ambito della chimica è sempre stata guardata con sospetto nell’immaginario collettivo, perché erroneamente le si attribuisce una concomitante possibile potenzialità di danno alla salute o all’ambiente” ha dichiarato il prof. Gian Carlo Avanzi, rettore dell’Università del Piemonte Orientale. “La ricerca che svolgerà il nuovo centro voluto dall’Università del Piemonte Orientale e dalla Syensqo sarà indirizzata a favore dell’ambiente, metterà a disposizione conoscenze e tecniche innovative per combattere l’inquinamento. La preziosa collaborazione con Syensqo Italia consentirà inoltre ai ricercatori del Centro RiSPA di potersi confrontare direttamente con il mondo imprenditoriale su temi di ricerca sugli inquinanti ambientali, ma anche sul trasferimento tecnologico, cioè su come applicare le tecnologie innovative appena scoperte nell’ottica della salvaguardia dell’ambiente”.

Siamo molto orgogliosi di poter inaugurare oggi un progetto così ambizioso che ci permetterà di affrontare in modo nuovo il risanamento di siti inquinati in maniera efficiente e sempre più eco-sostenibile” ha commentato Marco Apostolo, Country Manager di Syensqo Italia. “Questo importante investimento, inoltre, evidenzia ancor di più l’impegno primario di Syensqo per la ricerca e l’innovazione per le quali ogni anno l’azienda investe in Italia circa 40 milioni di euro”.

Il Centro sarà dotato di nuovi laboratori di ricerca con strumentazione all’avanguardia specificamente dedicata a tali attività e si avvarrà di personale tecnico e ricercatori dedicati. In particolare, sono previsti tre nuovi laboratori: un Laboratorio per Trattamenti Chimico-Fisici e due Laboratori per Analisi Chimiche e Biologiche. Sarà inoltre integrata la strumentazione preesistente in alcuni laboratori per i trattamenti Biologici (inclusa una Camera Climatica dedicata al Biorisanamento), così come quella delle piattaforme grandi strumenti di Ateneo, di particolare interesse per le attività del Centro: il Laboratorio di Calcolo, il Centro PRISMA di Risonanze Magnetiche e la Piattaforma di ImagingAvanzato.

“L’aggiornamento e l’integrazione della strumentazione – ha sottolineato il prof. Guido Lingua, direttore del Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica – hanno un’ovvia rilevanza per la ricerca, ma saranno importantissime anche per la formazione: i nostri studenti, nel corso delle tesi, potranno essere formati su tecnologie allo stato dell’arte, accrescendo il valore del loro percorso di studio.”

Le soluzioni proposte saranno implementabili a livello locale, ma la finalità è quella di costituire un Centro di riferimento a livello nazionale ed internazionale. Saranno messi a punto anche processi di recupero di sostanze preziose dagli effluenti dei cicli di produzione, che potranno quindi essere reintrodotti nei processi produttivi in un’ottica di economia circolare e di protezione ambientale.

 “Il progetto rappresenta la punta di diamante di un lungo lavoro di collaborazione che già da diversi anni – prima come Solvay e oggi come Syensqo – portiamo avanti con determinazione per permettere alle nuove generazioni di guardare al futuro con fiducia e positività” ha dichiarato Stefano Colosio, direttore dello stabilimento Syensqo di Spinetta Marengo. “Oltre ad avere ricadute positive per il territorio locale, il RiSPA rappresenta per noi anche un’opportunità di sviluppo di soluzioni che da Alessandria potranno essere applicate anche altrove, a livello nazionale ed internazionale, all’interno di una logica di crescita del Gruppo”.

In una prima fase gli indicatori di monitoraggio delle attività e degli obbiettivi previsti dall’accordo riguarderanno la messa in opera dei laboratori e della strumentazione e il reclutamento di ricercatori.

Il Centro di Ricerca sarà pienamente operativo entro i prossimi 6 mesi; tuttavia, le attività di ricerca saranno avviate sin dall’inizio con il personale del Dipartimento che afferisce al Centro, 16 professori e ricercatori e 5 tecnici strutturati, oltre a 11 giovani ricercatori e 5 tecnici, reclutati specificamente con le risorse del Centro, e tesisti, che metteranno a disposizione le loro competenze per lo sviluppo delle attività oggetto dell’Accordo, in piena continuità con quanto svolto precedentemente in collaborazione con Solvay – di cui Syensqo è spin-off – che ha al suo attivo due dottorandi di ricerca e un tesista. Un altro indicatore riguarderà gli output della ricerca, ossia le pubblicazioni scientifiche; il deposito di brevetti; la partecipazione a congressi; lo sviluppo di progetti di ricerca integrati; la formazione di tesisti e dottorandi di ricerca; la divulgazione scientifica e tecnologica.

L’accordo prevede infine la costituzione di un Comitato Tecnico-Scientifico Paritetico, composto da tre rappresentanti UPO-DiSIT e tre rappresentanti Syensqo: l’ing. Caterina Di Carlo, la dott.ssa Patrizia Maccone e l’ing. Enrico Repetto per Syensqo; la prof.ssa Chiara Bisio, il prof. Guido Lingua e il prof. Leonardo Marchese per UPO. Il prof. Marchese è stato inoltre nominato dal Rettore Responsabile Scientifico del Centro.

www.uniupo.it

You may also like