Epsan, il compounder turco apre in Italia – VIDEO

24 aprile 2018

A Mecspe 2018 non soltanto conferme ma anche novità. Tra queste la Epsan una società turca che fino a poco tempo fa in Europa aveva sede solo in Germania e adesso ha scelto di aprire una filiale in Italia

Abbiamo incontrato Davide Meli, responsabile della filiale italiana di Epsan. “La filiale italiana ha aperto pochi giorni prima dell’inizio di Mecspe 2018, ora possiamo operare sul territorio italiano con una filiale principalmente commerciale, a cui abbineremo un magazzino da cui potremo poi servire i nostri clienti sul territorio. Ovviamente qui in italia è obbligatorio avere un servizio capillare”.

Ma chi è Epsan? Fondata nel 1976 come società di trading, nel 1998 Epsan Plastik ha iniziato a produrre compound a base poliammide e oggi dispone di una capacità produttiva pari a 35mila tonnellate annue distribuita su due stabilimenti, entrambi a Bursa, uno dei quali installato nel porto di Gemlik. Il portafoglio prodotti comprende compound a base di poliammide 6 e 66, PBT e PPA, oltre a blend PA66/6, PA/PBT, PA/ABS, PBT/PET, PBT/ASA.

Con 140 addetti, la società prevede di realizzare quest’anno vendite per 20mila tonnellate, il 60% destinato al settore automotive. Circa il 40 percento del fatturato è realizzato all’estero. La strategia per l’espansione in Europa prevede, nei prossimi cinque anni, l’ampliamento della rete commerciale in Europa (Italia compresa)  e la valutazione di eventuali acquisizioni.

“Epsan si rivolge al mercato industriale dell’automotive e dell’elettrodomestico principalmente qui nel mercato italiano”. Con sede nell’hinterland milanese, Meli avrà il compito di sviluppare le vendite di compound a base di poliammide e PBT sul mercato italiano, fornendo assistenza pre e post-vendita: i piani di sviluppo prevedono la creazione di una società operante sul territorio nazionale dotata di un magazzino per lo stoccaggio dei compoud provenienti dagli stabilimenti turchi del gruppo.

Condividi questo articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di TecnoEdizioni maggiori informazioni

TecnoEdizioni utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o premendo su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi