Home PLASTICA Fimic: installati 5 cambia filtri in 5 Paesi diversi

Fimic: installati 5 cambia filtri in 5 Paesi diversi

di Cecilia
0 commento

Ldpe post consumo, Ldpe post industriale, Ldpe post industriale misto a post consumo, polipropilene big bag, polipropilene alta densità e polistirolo: per ciascun cliente, uno specifico cambia filtro Fimic

Fimic non produce filtri standard, Fimic si adatta al vostro materiale e rende flessibile la produzione attraverso un cambia filtro che si adatta al post consumo come al post industriale.
Negli anni infatti l’evoluzione della tecnologia è stata parte essenziale della crescita nel mondo del riciclaggio ed è necessario potersi adattare ai cambiamenti del mercato.

Il primo progetto riguarda il mercato americano, un cliente che già produce 2800 kg/h di Ldpe post consumo con una linea esistente e una percentuale di cartone che si aggira sull’ 8%
Nel 2017 Fimic ha contribuito ad installare una seconda linea per il riciclaggio di Ldpe packaging con una filtrazione a 600 micron per la produzione principalmente di profili in plastiche riciclate.
La produzione con la nuova linea di estrusione, di circa 1500 kg/h, è stata raggiunta grazie ad un cambiafiltro Ras600 Fimic con alcune modifiche accordate assieme al cliente.
L’esperienza della precedente linea ha infatti permesso al cliente di acquistare una linea con un compattatore in entrata, con l’obiettivo di ridurre l’umidità iniziale del materiale (nella linea precedente superava il 10% ).
Il cambia filtro automatico Fimic, aprendo la valvola permette lo scarico anche dei gas causati dall’umidità residua oltre alla contaminazione e grazie al compattatore installato ora, il cambia filtro subisce meno il peso di un materiale post consumo pesantemente inquinato.
Per garantire la qualità necessaria a questa applicazione, non è necessaria una filtrazione molto fina e per questo motivo FIMIC permette di utilizzare dei filtri punzonati con una spesa molto limitata, ma nel caso di materiale LDPE post industriale relativamente pulito rispetto al post consumo, da 6 anni è stata introdotta la possibilità di utilizzare dei filtri forati a laser, molto economici rispetto agli altri laser presenti sul mercato.
Generalmente i filtri laser possono essere riutilizzati fino a 4 volte grazie ad una pulizia tramite forno pirolitico e numerosi clienti stanno sostituendo filtri esistenti a laser o mesh ( automatici o manuali) con i filtri laser FIMIC.
Questo perché non solo economicamente sono più vantaggiosi (annualmente il costo dei ricambi viene ridotto della metà) ma anche la qualità è nettamente superiore.

Film agricolo fimic

Film agricolo filtrato con filtro laser della concorrenza e filtrato a 100 micron da FIMIC

Grazie a questa tecnologia FIMIC ha installato in gennaio 4 cambia filtri con filtrazione laser dai 100 ai 250 micron, garantendo in questo modo una qualità superiore ai propri clienti e uno scarto in % di materiale inferiore.
Vicino a Barcellona in Spagna, Anviplas S.L. ha infatti installato un nuovo estrusore Starlinger 165 C-VAC con filtro FIMIC RAS 700 per garantire circa 1.500 kg/h di LDPE post industriale misto a post consumo, con filtrazione 100 micron.
Il direttore generale Aleix Vintrò Anglès è davvero soddisfatto dell’investimento, e ci conferma che non solo la qualità del suo prodotto è migliorata rispetto alla precedente linea di estrusione della concorrenza, ma l’abbassamento dello scarto è stato così notevole da superare ogni aspettativa (dal 7-10% allo 0.7-0.9% attuale con FIMIC)
Un notevole cambiamento che permetterà ad Anviplas di inserire nel suo materiale più post consumo e quindi aumentare il margine di guadagno, mantenendo però inalterata la qualità per i suoi clienti.
FIMIC quindi non solo migliora la qualità, ma permette di rendere più flessibile il tuo riciclaggio.

Linea Starlinger 165 con FIMIC RAS 700

Linea Starlinger 165 con FIMIC RAS 700

You may also like

Commenta