La produzione globale continua a crescere

27 novembre 2015

I dati di mercato presentati dall’Associazione European Bioplastics a Berlino, confermano il positivo trend di crescita del settore delle bioplastiche globali. “Il mercato è destinato a crescere di oltre il 350 per cento nel periodo a medio termine” secondo il presidente François de Bie

I dati raccolti in collaborazione con gli istituti di ricerca IFBB ­ Istituto per la bioplastica e biocompositi (Università di Scienze e delle Arti Applicate di Hannover, Germania) nova­Institute (Hürth, Germania) mostra che la capacità di produzione di bioplastiche globale è destinata ad aumentare: dalle circa 1,7 milioni di tonnellate del 2014 si prevedono circa 7,8 milioni di tonnellate nel 2019. I principali driver di questa crescita sono le plastiche provenienti da fonti rinnovabili, biodegradabili, come PE biobased e PET.

Più del 60 per cento della capacità di produzione di bioplastiche in tutto il mondo nel 2014 è stata proveniente da fonti rinnovabili. Tale quota salirà a oltre l’80 per cento nel 2019. Le capacità di produzione di plastiche biodegradabili, come il PLA, PHA, e miscele di amido, sono anche in costante crescita, hanno quasi raddoppiato: dalle 0,7 milioni di tonnellate nel 2014 si passerà a ben oltre 1,2 milioni di tonnellate nel 2019.

“Sembra che le materie plastiche compostabili stanno uscendo dalla nicchia e molte materie plastiche compostabili hanno trovato la loro vera applicazioni a valore aggiunto”, spiega de Bie.

Il packaging rimane il più grande campo di applicazione per bioplastiche con quasi il 70 per cento (1,2 milioni di tonnellate) del totale del mercato delle bioplastiche. Questo numero è destinato ad aumentare di più del 80 per cento (6,5 milioni di tonnellate), nel 2019.
I dati confermano anche un deciso incremento nella diffusione di materiali bioplastiche in molti altri settori, tra cui tessile, applicazioni automotive e beni di consumo. Il terreno utilizzato per far crescere le materie prime rinnovabili per la produzione di bioplastiche equivale a circa 0,68 milioni di ettari nel 2014, che rappresentano il solo lo 0,01 per cento della superficie agricola globale di 5 miliardi di ettari, il 97 per cento dei quali sono stati utilizzati per il pascolo, mangimi, prodotti alimentari , altri usi del materiale, la bioenergia, e biocarburanti. Ciò dimostra chiaramente che non vi è concorrenza tra la materia prima rinnovabile per alimenti, mangimi, e la produzione di bioplastiche.

Per quanto riguarda gli sviluppi regionali, l’Asia amplierà ulteriormente il suo ruolo. Nel 2019, oltre il 80 per cento delle bioplastiche sarà prodotta in Asia. In Europa si prevede che rimarrà meno del 5 per cento delle capacità produttive. Considerando che Paesi come Stati Uniti, Asia e America Latina stanno attuando misure close­to­market per attrarre poli produttivi e promuovere lo sviluppo del mercato più rapidamente. “In questo contesto, è di fondamentale importanza l’attuazione di un quadro politico europeo che fissi la parità di accesso alle risorse provenienti da fonti rinnovabili, crei misure per facilitare l’accesso al mercato per i prodotti provenienti da fonti rinnovabili e rappresenti per il ruolo di facilitazione di materie plastiche compostabili per un’efficiente gestione dei rifiuti”, conclude de Bie.

european­bioplastics.org

 

Condividi questo articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di TecnoEdizioni maggiori informazioni

TecnoEdizioni utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o premendo su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi