Home PLASTICA Intervista a Piergianni Milani, Presidente di Amut

Intervista a Piergianni Milani, Presidente di Amut

di Cecilia
0 commento

Nonostante la difficile situazione mondiale causata dalla pandemia di Covid- 19 nel 2020, AMUT ha saputo raggiungere risultati notevoli rispetto al suo record storico, con un’accelerazione nella crescita dei ricavi, a 102 milioni di euro, sostenuta dallo sviluppo del capitale umano e dal raggiungimento degli obiettivi strategici prefissati.

Malgrado il protrarsi di un contesto tuttora governato dalle difficoltà causate dal Covid, ed i numerosi rischi economici che costellano l’ambiente del business, crediamo in un futuro positivo alimentato da diverse opportunità derivanti dal sempre crescente interesse per soluzioni efficienti dal punto di vista energetico ed ecosostenibili, per far fronte alle esigenze dettate dall’economia circolare.

Alla luce di questo scenario, abbiamo rifocalizzato il business, incentrandolo principalmente sull’estrusione ed il riciclaggio, rappresentati oggi da due divisioni: AMUT EXTRUSION e AMUT ECOTECH. Le due unità di business riflettono ciò che siamo oggi e la strada lungo la quale ci muoveremo nel nostro dinamico futuro: l’estrusione, da dove siamo partiti nel 1958, ed il riciclaggio, continuando il percorso soddisfacente intrapreso nel 1985.

La divisione AMUT EXTRUSION è specializzata nella progettazione e realizzazione di estrusori, relative apparecchiature ausiliarie a valle e linee di estrusione chiavi in mano, per la produzione di foglia, film estensibile, lastre, membrane impermeabilizzanti, tubi e profili

Linea Cast

Linea cast per film estensibile

La divisione AMUT ECOTECH offre soluzioni complete, diversificate per il riciclaggio della plastica ed il trattamento dei rifiuti, quali: impianti di recupero di materiali da rifiuti post consumo; impianti di recupero di materie plastiche post consumo; impianti e attrezzature di selezione e recupero di rifiuti industriali e domestici. Gli impianti di lavaggio per bottiglie e contenitori in PET/HDPE/PP e impianti di lavaggio per film in PE completano la tecnologia proposta dalla divisione.

Abbiamo saputo sfruttare, e continueremo a farlo, il crescente interesse verso le tematiche “green”, posizionandoci come uno dei player di riferimento del settore, grazie alla nostra capacità di offrire soluzioni personalizzate e completamente integrate tra loro, rispetto alle esigenze espresse dai potenziali clienti.

Linea membrane copia

Linea di estrusione per membrane impermeabilizzanti

Per quanto riguarda le opportunità offerte dal mercato in cui operiamo, la necessità di riciclare Polimeri da post consumo continua a crescere in modo esponenziale. L’importanza della questione ecologica nella gestione di materiali termoplastici, oggi insostituibili, sta crescendo, con un aumento delle quantità raccolte e trattate (+92% nel periodo 2006 – 2018) e un conseguente effetto positivo sul business delle aziende che costruiscono gli impianti coinvolti.

Questa tendenza è “globale”, come dimostra il fatto che abbiamo chiuso con successo contratti in tutto il mondo, compresa l’Oceania. Analizzando le macro-aree di destinazione delle esportazioni 2020, vediamo un rafforzamento dell’Europa, che rappresenta il 72% del totale, mentre il Nord America ha perso un po’ di terreno, con un 18% rispetto al 27,0% del 2019; al contrario l’Asia consolida la sua posizione con una quota dell’8%. All’interno del nostro segmento di mercato ci sono situazioni diverse, caratterizzate da una maggiore tecnologia e quindi più elevata redditività degli impianti.

Le nuove tecnologie legate alla green economy offrono un potenziale remunerativo, ma non dobbiamo dimenticare gli impianti di estrusione, dove siamo leader di mercato, che forniscono anch’essi occasioni molto interessanti con impianti per la produzione di membrane impermeabilizzanti, film stretch per imballaggi, come anche linee di estrusione foglia rPET monostrato di grado alimentare. Le linee più convenzionali per la produzione di tubi, profili e granuli completano la gamma di prodotti che offriamo ai nostri clienti.

Nuovi progetti per il 2022

La realtà di AMUT è in continua evoluzione, per rispondere adeguatamente alle nuove sfide dei mercati nei quali operiamo.

De-labeller copia

Amut De-labeller

La nostra propensione a sviluppare le migliori soluzioni è spinta dalla volontà di creare continuamente valore per i nostri clienti, anticipando, ove possibile, le future necessità. Progettiamo impianti innovativi studiati secondo le specifiche di ciascun singolo progetto, garantendo alta efficienza e standard qualitativi elevati. Nel corso degli anni abbiamo ottenuto innumerevoli brevetti tra cui i nostri “De-Labeller” che garantisce, negli impianti di Trattamento delle bottiglie da postconsumo,la rimozione dell’85%-90% delle etichette termoretraibili, più conosciute come “shrink labels, altamente inquinanti se non eliminate.

Questo, in combinazione con una azione di pulizia delle bottiglie ed il “Friction Washer”, consente un lavaggio intenso delle scaglie di PET/HDPE/LDPE, con ridotti consumi d’acqua (1,1 l. per un Kg. di scaglie di PET) ed energetici.

Tra le attività pianificate per il 2022, in linea con la nostra vocazione ad una sempre crescente sensibilità alle tematiche ambientali, è prevista l’implementazione della certificazione ISO 14001. AMUT è attualmente in attesa di ottenimento della certificazione del Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro, secondo la norma ISO 45001. Riteniamo i lavoratori il nostro asset più importante ed abbiamo pertanto deciso di adottare uno strumento che ne consenta la tutela. Sempre in tema di certificazioni, va menzionato che il Sistema di Gestione della Qualità di AMUT è certificato, conformemente alla norma ISO 9001, sin dal 1995.

Nel prosieguo del progetto di rinnovamento organizzativo aziendale intrapreso nel 2021, sono in corso adeguamenti del layout del nostro stabilimento di Novara ed un ampliamento di quello di Maserada. Inoltre, è in corso uno studio di fattibilità per un impianto fotovoltaico da circa 1MW, da installarsi a Novara.

Il 2022 vedrà anche un rafforzamento della nostra presenza internazionale, nei mercati che abbiamo individuato come strategici per un consolidamento del nostro core business. Sarà così ampliata la sede americana, con un’integrazione della forza vendita e l’avvio di una struttura locale di servizio post vendita, al fine di supportare adeguatamente i nostri clienti. In aggiunta alla sede di Ho Chi Minh in oriente, abbiamo in programma la costituzione di una Joint Venture in Cina, con un partner di Shanghai, specializzato in una tecnologia complementare alla nostra, per favorire la crescita di AMUT nel Far East.

Bilancio 2021 e previsioni 2022

Il 2021 è stato un anno soddisfacente, in continuità con il 2020, in cui abbiamo raggiunto il miglior risultato nella storia di AMUT.

Grazie alla fiducia di cui gode l’azienda nei mercati di riferimento, abbiamo ricevuto numerose richieste per progetti prestigiosi, a livello globale. Nel corso del 2021 il team commerciale ha visto un notevole incremento delle stesse.

Questo scenario, denota un mercato in fermento in particolare nel settore del riciclo, dove il tema della salvaguardia dell’ambiente, genera una certa attività che darà soddisfazioni anche negli anni a venire.

Il 2021 ha visto concretizzarsi opportunità che genereranno nuove acquisizioni di ordini per oltre €60 milioni.

Questo trend contribuirà in modo molto significativo ai volumi che verranno realizzati nel 2022. Il numero di progetti in trattiva in entrambe le divisioni è significativo e ci si aspetta un 2022 in ulteriore crescita rispetto al 2021.

You may also like

Commenta