Negri Bossi, mascherine in TPE contro il Coronavirus

17 aprile 2020

Dalle macchine ad iniezione per lo stampaggio di materiale plastico, alle mascherine per difendersi dal Coronavirus: Negri Bossi ha compiuto un’opera straordinaria di cambiamento per il bene della comunità.

Da giovedì 9 aprile 2020 l’azienda, situata a Cologno Monzese, utilizza due macchine a iniezione per la produzione di mascherine per contrastare la diffusione del COVID‐19, la pandemia più grave di questo inizio secolo.
L’idea è partita dal Responsabile dello stampaggio, il sig. Ruggero Galbusera e dal Direttore Operativo, il sig. Maurizio Seregni, già impegnati nel sociale; in particolare, il sig. Seregni che ha prestato servizio per ben 20 anni come volontario in Croce Bianca.
Il progetto è stato fin da subito apprezzato e sostenuto nelle varie fasi evolutive dal sig. Giancarlo Costa, Presidente del Comitato Coordinamento Volontari di Monza e Brianza, che ci ha fatto visita nei giorni scorsi e con il quale sono stati organizzati gli aspetti logistici per la distribuzione alla collettività.
Le mascherine, esito di un progetto realizzato interamente da Negri Bossi, sono in gomma termoplastica, un materiale molto flessibile e per questo motivo risultano essere confortevoli ed ergonomiche.
Questo dispositivo può essere riutilizzato grazie all’intercambiabilità del tessuto filtrante e predispone la possibilità di un upgrade a livello superiore grazie ad un eventuale inserimento del filtro valvola espirazione per far fronte a certificazioni future.
A questo proposito, sono in corso di attuazione le procedure richieste dal Decreto Legislativo stesso per i DPI. (riferimento D.L. 17 Marzo 2020 n. 18, art. 16, c. 2.)
Altro fattore positivo delle mascherine, ideate da Negri Bossi e dalla geometria totalmente ergonomica, è che sono trasparenti perciò non vanno a limitare il campo visivo e, inoltre, non causano l’appannamento delle lenti in caso di utilizzo di occhiali.
Per finire sono facilmente igienizzabili in acqua bollente e con sapone neutro.
Lo stampo è stato costruito in tempi record da ESISTAMPI, costruttore di stampi con sede in provincia di Ancona. La capacità produttiva raggiunge a pieno regime una quantità straordinaria di 500 mascherine all’ora.
Tutti i terzi coinvolti per completare il processo di produzione si sono dimostrati pronti e disponibili, insieme a Negri Bossi, a iniziare un progetto così fortemente legato al bene della comunità: dalla donazione di materiale plastico (da parte della società Francesco Franceschetti Elastomeri) all’insacchettatrice (donata dall’azienda Ravizza Packaging).

Condividi questo articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di TecnoEdizioni maggiori informazioni

TecnoEdizioni utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o premendo su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi