UniMi Innova

28 giugno 2021

UniMi Innova, il primo hub dell’innovazione targato Università degli Studi di Milano, ha premiato un progetto dedicato alla chimica nel corso dell’evento “Dalla conoscenza al futuro”.

Nello specifico, il progetto è stato presentato nell’ambito del programma di scouting della Statale Seed4Innovation, uno strumento per individuare progetti di innovazione all’interno della comunità accademica, organizzato da Fondazione UNIMI in collaborazione con la Direzione Innovazione e Valorizzazione delle Conoscenze dell’Università degli Studi di Milano. Il programma si propone di seguire tutto l’iter del progetto, dalle fasi di implementazione all’incontro con possibili partner industriali fino alla copertura di parte dei costi per sostenere le prime sperimentazioni.  La rete dei mentor di Fondazione Unimi permette di favorire lo scambio e l’acquisizione di competenze al fine di accompagnare i progetti alla maturazione fino e al mercato.

Il progetto FlowBioArt prevede lo sviluppo di processi chimici sostenibili per l’ottenimento di molecole ad alto valore aggiunto, combinando due enabling technologies, la biocatalisi e la flowchemistry. Lo sviluppo di strategie chimiche sostenibili by design, che riducano l’impiego e la produzione di sostanze chimiche pericolose per l’uomo e per l’ambiente, è uno degli obiettivi fondamentali dell’European Green Deal e risulta di particolare interesse per i settori agroalimentare, cosmetico e farmaceutico. La soluzione integra e massimizza i vantaggi della flow chemistry e della biocatalisi, unendo produttività esostenibilità, intensità e sicurezza, in processi on demand e customizzati, facilmente scalabili e automatizzabili. Il team sta sviluppando cartucce modulari e pronte all’uso, ognuna contenente un biocatalizzatore, da selezionare e interconnettere in sistemi in continuo, simulando i complessi pathway biosintetici naturali sviluppati nel corso dei millenni. Il team di ricerca è formato da: Andrea Pinto, Sabrina Dallavalle, Francesco Molinari, Lucia Tamborini. Il progetto farà parte del programma di incubazione.

Condividi questo articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di TecnoEdizioni maggiori informazioni

TecnoEdizioni utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o premendo su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi