26° Rapporto annuale Responsible Care

10 novembre 2020
26° Rapporto annuale Responsible Care
News
0

Responsible Care è il Programma volontario dell’industria chimica mondiale, con il quale le imprese si impegnano a realizzare valori e comportamenti di eccellenza, nelle aree della sicurezza, della salute e dell’ambiente, in modo da contribuire allo sviluppo sostenibile del pianeta.

Il Programma è attualmente adottato in Italia da 1641 imprese associate a Federchimica, che con 30,7 miliardi di euro rappresentano il 56% del fatturato aggregato dell’industria chimica.

Per sicurezza, salute e ambiente le imprese aderenti a Responsible Care spendono strutturalmente ogni anno il 2,5% del proprio fatturato e realizzano investimenti pari al 22% del totale investito.

La chimica è uno dei settori manifatturieri con il minor numero di infortuni rapportato alle ore lavorate, migliore del 35,3% rispetto alla media manifatturiera nel 2019.

L’industria chimica è tra i settori manifatturieri con le migliori prestazioni in termini di incidenza di patologie connesse allo svolgimento di mansioni professionali in proporzione all’attività lavorativa effettuata (mediamente inferiore di circa il 50% rispetto alla industria manifatturiera).

Materie prime di origine fossile ad uso feedstock. L’industria chimica ha costantemente ridotto i consumi di materia prima di origine fossile nel corso degli anni, passando dai 10,0 milioni di tep del 1990 ai 6,8 milioni di tep del 2019.

L’industria chimica ha ridotto i consumi energetici in valore assoluto del 51,5% rispetto al 1990. Rispetto al 2000, l’industria chimica ha migliorato la propria efficienza energetica del 48,6%. Si stima che l’incremento dell’efficienza energetica dell’industria chimica rispetto al 1990 sia circa del 60%.

L’industria chimica è fortemente impegnata nella gestione efficiente delle risorse idriche.

L’industria chimica ha ridotto le emissioni di gas serra del 54% rispetto al 1990 e, anche in questo caso, è già in linea con gli obiettivi dell’Unione europea al 2020 (-20% a livello comunitario) e al 2030 (-40%).

Il nuovo modello dell’economia circolare indirizza le imprese verso una corretta gestione del proprio ciclo dei rifiuti orientato principalmente alla prevenzione della loro produzione, quindi al riuso e al riciclo e solo in ultima ratio allo smaltimento in discarica.

 

Condividi questo articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di TecnoEdizioni maggiori informazioni

TecnoEdizioni utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o premendo su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi